Once-upon-a-time

Brand storytelling: come raccontare la storia della vostra azienda

Le storie da raccontare sono dovunque…basta saperle trovare ” è questo il concetto base dello storytelling, un’efficace tecnica di comunicazione e marketing sempre più adottata dalle aziende e fondata sulla narrazione del brand attraverso la creazione e lo sviluppo di una storia.

Le storie ed i racconti sono da sempre alla base del registro comunicativo umano. Le prime forme di comunicazione e diffusione del sapere avvengono grazie alla tradizione orale, ossia la capacità, sviluppata dall’uomo sin dagli albori della civiltà, di tramandare di generazione in generazione racconti, memorie ed esperienze.

Se vogliamo guardare anche da un’altra angolazione, meno storica e più personale, ognuno di noi sin dalla prima infanzia sarà rimasto affascinato ed influenzato da favole, storie e racconti che con molta probabilità ricorda ancora dopo molto tempo. Ascoltare una storia, quindi ci coinvolge, ci cattura e sviluppa in noi immedesimazione, sentimenti ed emozioni.

Quanto spiegato sopra riguarda da vicino anche il marketing aziendale. Ogni azienda infatti, senza alcuna distinzione riguardo al settore o al prodotto, ha storia da raccontare: una storia fatta di valori, vicissitudini, traguardi, ambizioni, successi e difficoltà. Una storia che attraverso un’attenta analisi interna può essere messa a fuoco e poi raccontata, ottenendo risultati soddisfacenti in termini di brand awareness ed engagement.community matters

Uno studio del 2012, realizzato presso la Vanderbilt University, ha rivelato che le comunicazioni che riguardano marchi o i prodotti realizzate attraverso il racconto di storie generano nei potenziali clienti delle reazioni più positive ed una maggiore attenzione rispetto a quando quegli stessi annunci vengono presentati solamente come elenco di caratteristiche o vantaggi. E’ la dimostrazione concreta che ognuno di noi è molto più disposto a ricordare un racconto o una storia, soprattutto se questa è coinvolgente, molto meglio di quanto possa memorizzare elenchi, dati o cifre.

Il recente sviluppo dei social network e quindi della possibilità di comunicare attraverso il web stanno permettendo sicuramente una più rapida e capillare diffusione di comunicazioni che si basano sullo brand storytelling, ma c’è anche il rovescio della medaglia.
Nell’era della comunicazione digitale lo storytelling non può più essere unidirezionale, la storia aziendale deve essere raccontata in maniera differente e coerente con i diversi pubblici a cui ci si rivolge e con i diversi canali e format che si utilizzano. Il brand sarà quindi attento a dare al suo racconto una forma “liquida”, mantenendone invariato il “plot” ossia la trama, ma narrando la propria storia in forme e linguaggi diversi adattandosi ai differenti target, ma anche ai differenti canali online ed offline. La “cross-medialità” rinforza il messaggio dando alla storia aziendale diverse sfaccettature che contribuiscono, come le tessere di un puzzle, alla creazione del risultato finale.

In sintesi quali regole seguire per avere i migliori risultati dal vostro “brand storytelling”?

1. Scopri qual è la storia del tuo brand e quali e quante storie la tua azienda può raccontare. Quali sono i valori veicolati dal tuo marchio, e quali di questi attraggono di più il cliente finale? Qual è la mission dell’azienda e per cosa si impegna? Quale percorso e quali “milestone” l’hanno portata ad essere ciò che è oggi? Ci sono figure aziendali di riferimento? Tutto ciò può essere una base da cui partire per creare una o più storie. Allo stesso modo all’interno dell’azienda ognuno può farsi portavoce di storie quotidiane, anche semplici (dall’ideazione dell’ ultimo prodotto, alla creazione di un nuovo reparto), che condivise rendono più vicina l’azienda al suo pubblico.

2. Non occorrono storie mirabolanti, sono molto meglio le storie vere. La finzione non paga, il pubblico sente molto più vicino a sé storie semplici e vere che parlano di quotidianità. Quindi, se il tuo obiettivo è l’immedesimazione, racconta con onestà e trasparenza e utilizza un linguaggio semplice, crea una storia lineare che eviti eccessive e inutili complicazioni.

3. Ricorda che alla base dello storytelling ci sono sempre le emozioni. Sono queste che coinvolgono, rendono più semplice ricordare la storia, favoriscono la crescita di una community, creano fidelizzazione, generano viralità e condivisione dei valori proposti dal brand.

Allora siete pronti a raccontare la storia del vostro brand ?

photo credit: UNE Photos via photopin cc
photo credit: Choconancy1 via photopin cc

 

About Paola Valeri

Ho un'esperienza a 360° nel Marketing e nella Comunicazione aziendale. Parlo di Marketing e Social Network nei corsi che tengo per aziende, enti ed associazioni. Scrivere mi appassiona e diverte e per questo sono diventata giornalista pubblicista. Da qualche tempo mi interesso di sostenibilità aziendale e di “green marketing”.

Commenti

commenti

Tags: , , , , ,

Lascia un Commento