Digital Marketing del Vino e Social Media Marketing del Vino by Social Margarita

Digital Marketing e Social Media: la chiave del successo per le cantine nella promozione del vino

 

Riprendo con questo post un tema già affrontato relativo al digital marketing del vino e al rapporto che questo prodotto ha con i social media. Negli ultimi mesi, ho avuto la possibilità di approfondire l’argomento e sono sempre più convinta che gli strumenti messi a disposizione dal mondo del web 2.0 siano perfetti per il vino.

Il vino è sì una “bevanda”, ma allo stesso tempo rappresenta un “oggetto sociale” che avvicina e lega le persone.  Il passaparola deve essere, quindi, considerato dalle cantine come uno degli strumenti principali a disposizione. I social media possono aiutare le cantine a coinvolgere direttamente i propri clienti o quelli potenziali: il web diventa allora il luogo dove interagire con loro. L’utente contribuisce alla creazione del racconto della cantina e del prodotto tramite le foto che scatta, i video che registra, i commenti che scrive: condividendoli sui social media, tutto questo rimane online anche col passare del tempo. Una cantina disponibile ad ascoltare e ad interagire online con i propri clienti è una cantina che è destinata ad aumentare la sua Brand Awareness.

Wine Facts by www.vinoduepuntozero.it | VinoTiAmoI social media hanno attratto probabilmente in modo disordinato ma inevitabile una grande quantità di persone negli ultimi anni e, oggi, praticamente tutti noi utilizziamo almeno una di queste piattaforme quotidianamente. Come rilevato nel Social Media Report 2012 di Nielsen già nel 2011, più dell’80% delle prime 500 aziende presenti su Forbes hanno utilizzato i social media per “connettersi” con i propri clienti. Le aziende che li utilizzano in modo efficiente, non li usano per farsi pubblicità, ma per creare relazioni con i consumatori, quindi per stabilire con loro un rapporto di “fiducia”. La mera pubblicità non è il modo migliore per creare legami con le persone, ma piuttosto un mezzo per fornire al consumatore un messaggio diretto senza riceverne un feedback. L’utilizzo dei social media è completamente diverso da quello della pubblicità tradizionale: i consumatori di oggi sono iper-informati ma hanno continuamente bisogno di conoscere di più del prodotto o servizio che hanno intenzione di comprare e vogliono ricevere un feedback da chi l’ha già acquistato. I social media hanno il potere di limitare l’incertezza dell’acquisto e di aumentare la trasparenza delle aziende perché i consumatori vengono in qualche modo coinvolti nel mondo aziendale.

 

Siamo sicuri allora che le cantine e tutti gli attori che operano nel settore del vino abbiano ben presente le potenzialità di questi strumenti?
L’utilizzo dei social media nell’industria del vino è molto più diffuso nei paesi del “nuovo mondo” (USA, Sud America, Australia ecc.). Il “vecchio mondo” del vino è molto più conservativo e probabilmente sta aspettando che le nuove generazioni di consumatori crescano e invertano il trend. Molto spesso, l’industria del vino ha la tendenza a rimanere legata alla comunicazione tradizionale dimostrando difficoltà ad affidarsi ai nuovi media. Vero è comunque che, sebbene i social media siano uno strumento di comunicazione potente e un importante canale diretto di servizio per il consumatore, intraprendere un programma di Social Media Marketing senza integrarlo a quanto si sta già facendo negli altri canali di comunicazione tradizionale e vendita, probabilmente non porterebbe ai risultati sperati. Ma pensate invece a cosa potrebbe succedere se comunicazione online e offline fossero “mixate” nel modo adeguato!

BareFoot Wine Caso Studio Digital Marketing del Vino by Social MargaritaE’ molto interessante studiare le best practice che provengono da questo “nuovo mondo”. Il caso di Barefoot Wines, ad esempio, è davvero significativo perché mostra come una cantina anche di piccole dimensioni possa competere sul mercato con grandi gruppi grazie ad adeguate strategie di comunicazione online e al corretto utilizzo dei social media. Oggi Barefoot Wines ha 4 volte più follower di Jacob’s Creek su Twitter (oltre 11.000) e quasi 395.000 mi piace su Facebook (contro i 373.000 di Jacob’s Creek).

 

Di questi e di altri casi mi sono interessata negli ultimi mesi nella preparazione di un corso di cui sarò relatrice dal titolo Digital Marketing del Vino in Italia e all’estero: Social, Blog e E-commerce che si terrà a Milano il 5 dicembre. Insieme a me, saranno presenti altri professionisti del mondo dei Social Media e del Marketing Digitale: Andrea AlbaneseRudy BandieraValeria Moschet e Gian Piero Staffa. E’ un corso di livello intermedio/avanzato e si rivolge agli imprenditori e manager delle aziende vinicole, direzione vendite, responsabili marketing e comunicazione e ai responsabili di progetti web/online e social media per il settore vinicolo.

Se siete appassionati, come me, di Vino e Digitale vi invito poi a visitare il nostro nuovo blog vinoduepuntozero, realizzato in collaborazione con NetPropaganda. Legati al Blog vi segnalo anche i diversi canali social di VinoTiAmo, dedicati a chi ama il vino e ne vuole parlare in termini di comunicazione digitale.

 
[Fonti: www.wineconversation.com | www.nielsen.com]

About Stefania Fregni

Appassionata di Comunicazione e Marketing nella vita e per lavoro, sono consulente da oltre 10 anni, specializzata nel settore Food & Beverage. Negli ultimi anni mi sono avvicinata al mondo del Social Media Marketing e del Marketing Digitale, specializzandomi e collaborando a diversi progetti. Creativa, curiosa e organizzata, sono sempre in cerca di nuove avventure!

Commenti

commenti

Tags: , , , , , , , ,

Lascia un Commento