Articoli Taggati ‘social’

Reunion Unibo Università di Bologna

ReUnion Unibo (social e live) raduna la community degli ex studenti universitari di Bologna da tutto il mondo.

“Partiti insieme per un lungo viaggio torniamo a casa per diverse vie”.

Con questi versi famosi di Catullo l’Università di Bologna ha chiamato a raduno tutti i suoi ex studenti: il 19-20-21 giugno si è tenuta ReUnion Unibo, una 3 giorni di incontri, dibattiti, mostre, lezioni magistrali e spettacoli nei punti più suggestivi di Bologna. Protagonisti dell’arte e della scienza, manager, studiosi, innovatori, ex studenti famosi  che hanno portato la cultura nelle piazze, raccontando i diversi saperi e la loro esperienza di vita e professionale in seguito alla laurea conseguita all’Università di Bologna.

ReUnion Unibo

Il nostro team ha fatto parte in primissima persona di questo super evento (il primo in Italia di questo tipo) in quanto abbiamo seguito la comunicazione digital e social del progetto: è stata una sfida davvero entusiasmante dove abbiamo imparato molto e nella quale abbiamo vissuto la potenza vera di quello che si definisce “senso di appartenenza” e “community”. La nostra strategia infatti era incentrata sul coinvolgimento degli utenti e la “ri-accensione” del senso di community attraverso i canali social che abbiamo scelto (Facebook, Twitter, Google+, Instagram, Youtube, Periscope), stimolando così la condivisione di racconti e storie del passato, ma anche per arrivare in questo percorso alla voglia di essere parte e raccontare il presente, fino al “live” durante lo stesso evento.

La forza evocativa di immagini e dello storytelling legato ad esse è uscita in modo davvero impressionante in questo progetto: per esempio alcuni post su Facebook sui luoghi dell’università hanno raggiunto addirittura il 10-15% di percentuale di engagment (click/commenti/condivisioni)! Far rivivere con un occhio “semplice” e “alla mano” i luoghi di Bologna legati alle esperienze e i ricordi universitari è stato sicuramente la chiave di questo successo 🙂Università Bologna ReUnion

Abbiamo inoltre stimolato le community online alla partecipazione ed all’incontro anche offline: un’ottima risposta l’ abbiamo avuta attraverso un challenge nazionale su Instagram chiamato “UniAmarcord”, realizzato in collaborazione con l’associazione degli Instagramers Italia e la community locale degli IgersBologna. Le persone hanno così condiviso con tantissime foto il loro passato, presente e futuro e ciò che rievocava loro il periodo universitario: le 20 migliori foto hanno fatto parte della mostra a tema che si è tenuta a Palazzo Re Enzo durante Reunion e sono state un magnifico racconto, coinvolgente e personale, realizzato davvero dai protagonisti in prima persona.

Ne ha parlato con entusiasmo anche l’Huffington Post in questo articolo:): http://bit.ly/HuffingtonPostReunionUnibo. Eccovi un collage molte delle foto che hanno partecipato al challenge:

Challenge Instagram ReUnion

 

E’ stato inoltre un onore poter organizzare il panel più “social” di ReUnion, con speaker alcuni ex studenti Unibo che oggi sono nostri colleghi e che hanno avuto un percorso di studi, di vita e professionale simile al nostro. Al panel “Tra un tweet e un post, il futuro passa dai social” hanno preso parte infatti:

Panel social ReUnion UniboQuesto incontro è stato molto interessante ed ha offerto vari spunti su quello che oggi significa lavorare nel mondo del digitale e dei social, dove sempre più sono necessarie figure professionali preparate e in grado di capire e saper portare avanti strategicamente le logiche del community management e del marketing integrato digitale. Sul palco c’erano persone che si sono “inventate” un lavoro che non esisteva in effetti quando si sono laureate, ma che hanno capito e cercato di sfruttare con preparazione, entusiasmo e tenacia tutte le nuove potenzialità professionali che il web 2.0 stava presentando. Interessante è anche stato il racconto della case history del gruppo nato su Facebook “Hai studiato a Bologna se…”, dove vi sono 23.000 iscritti e una fortissima community sia online che offline.

L’evento è stato un vero successo con 20.000 presenze: per quanto riguarda i social su Twitter ReUniOn è stato un trending topic il 20 giugno – con i due hashtag più seguiti e twittati #reunionunibo#reunionsocial) – con 2.400.603 di impression. Oggi sono 15.700 i fans che seguono la pagina ufficiale su Facebook, con più di 103.500 engaged  per oltre 3.7 milioni di FB impression su ReUniOn. Davvero un successo che ci ha colmato di gioia e dove c’è stata anche una grande forza che ha permesso questi risultati grazie a un super team di lavoro composto anche da Mec&Partners (che ha seguito l’organizzazione, comunicazione offline e ufficio stampa) Best Union (parte organizzativa) e ovviamente l’ufficio comunicazione dell’Università di Bologna.

Preparativi Reunion Unibo

Il nostro viaggio nel ripercorrere questi mesi di ReUnion finisce qui, un viaggio dove abbiamo davvero potuto testare la forza della community online e offline e ci è stato confermato che oggi un buon piano di comunicazione funziona solo se la strategia digitale è integrata con quella tradizionale.

Eccoci quindi tutti insieme alla fine di questa meravigliosa esperienza professionale di ReUnion Unibo 🙂

Staff comunicazione ReUnion Unibo

About Valeria Moschet

Dopo una consolidata esperienza retail e commerciale nei settori abbigliamento e accessori, ho intrapreso una nuova sfida professionale e mi sono specializzata in Social Media Marketing. Da allora con grande passione ed entusiasmo lavoro come consulente per aziende di varie dimensioni e mercati, ma sono specializzata nei settori del Beauty, Moda e Lifestyle. Sono formatrice su temi dei social media e del Web 2.0.

Legambiente_Italia

Campagna Legambiente 5xchi: la forza dei social per tre progetti “green”

Comunicazione green e social media hanno moltissimo in comune: trasparenza, credibilità e coinvolgimento, ed è per questo motivo che quando queste due realtà  si fondono in un progetto concreto e ben orchestrato i risultati non tardano ad arrivare.

Oggi vorrei presentarvi un caso, tutto italiano, di campagna social al servizio di una causa “green”, sto parlando della nuovissima campagna di comunicazione sul 5×1000 di Legambiente realizzata dalla cooperazione tra Sqcuola di Blog e l’agenzia Binario Comunicazione.

La famosa associazione ambientalista italiana che, con oltre 115.000 soci protegge le nostre coste e le nostre città dall’inquinamento, contrasta il nucleare e l’abusivismo edilizio, ha scelto di comunicare puntando proprio sulla viralità della rete per diffondere il più possibile il suo messaggio.

Alla base dell’inedita campagna di comunicazione chiamata 5xchi c’è la competizione amichevole tra tre progetti strategici che stanno impegnando tutte le forze dei volontari di Legambiente:  Goletta Verde, Orti Urbani e Terra dei Fuochi. Ognuno di essi vuole meritare il 5×1000 dei contribuenti.

Il fulcro dell’iniziativa”social” è una pagina web dalla quale l’associazione invita i suoi soci e tutti gli altri italiani che pensano di destinare il 5 x 1000 a Legambiente a votare per uno dei tre progetti.

Legambiente_5xchi

Il risultato della votazione, oltre ad essere sintetizzato da un grafico che visualizza la situazione in tempo reale della distribuzione delle preferenze, viene postato anche sul profilo Facebook di chi ha espresso il voto, ampliando così, grazie ai social ed al passaparola, la portata virale del gesto.

Anche Twitter ha il suo ruolo specifico: attraverso l’hashatag ufficiale #5xchi ed agli hashtag dei singoli progetti #teamOrti, #teamGoletta e #teamFuochi, contribuisce alla diffusione del messaggio nei confronti di influencer e potenziali sottoscrittori.

Infine, Instagram non poteva mancare  nel gruppo dei canali social utilizzati per dare voce alla campagna di Legambiente. Il profilo dell’associazione è ricco di immagini evocative sui tre progetti e sulle bellezza della nostra terra.

Legambiente Instagram

E voi avete già dato il vostro voto? Ricordate che votare è un gesto simbolico, in quanto Legambiente ripartirà comunque il denaro derivante dal 5×1000 su tutti e tre i progetti, ma la sfida on line tra di essi è la leva strategica per accendere la consapevolezza che molto si può fare per il nostro ambiente anche con un semplice gesto, come quello di una firma sulla dichiarazione dei redditi.

Se volete far sapere a tutti qual è il vostro progetto preferito fate click qui

About Paola Valeri

Ho un'esperienza a 360° nel Marketing e nella Comunicazione aziendale, in tutte le sue forme… soprattutto quelle social 🙂 Per diffondere e condividere questa passione parlo di Marketing e Social Network anche nei corsi che tengo per aziende, enti ed associazioni. Scrivere mi appassiona e diverte e per questo sono diventata giornalista pubblicista. Da qualche tempo mi interesso di sostenibilità aziendale e di “green marketing”.